Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘computer’ Category

{ Segnalato dal collega Claudio Porcellana nel suo gruppo Tricks for translators su LinkedIn, ho scoperto da poco Archivarius 3000, un tool molto veloce e potente per cercare stringhe di testo in numerosi tipi di file presenti sul PC, disponibile in prova per 30 giorni e poi pagando una piccola licenza. Avendo una vasta collezione di glossari e altre risorse nei più svariati formati possibili, ero da tempo alla ricerca di un software come questo, in grado di trovare in pochi istanti quello che mi interessava in questo marasma digitale fatto di PDF, DOC, TXT, PPT, HTML, ZIP e chi più ne ha ne metta.

Il risultato di una ricerca fatta con Archivarius 3000

Archivarius 3000 è veloce perché si basa sul sistema dell’indicizzazione. Un volta installato il programma, bisogna infatti creare i cosiddetti indici, cioè specificare le varie cartelle in cui dovrà essere effettuata la ricerca. Quando si crea un indice, Archivarius 3000 legge tutti i file contenuti nelle cartelle selezionate, ne estrapola i testi e li salva in un file di indice che verrà usato per trovare velocemente ciò che cerchiamo. Oltre all’indice con le cartelle contenenti tutti i glossari che mi interessavano, ho creato ad es. anche un indice con la cartella Projects di Trados Studio, in modo da poter eventualmente estendere la ricerca anche alle memorie di traduzione e ai glossari di altri progetti già tradotti prima (indipendentemente dal CAT in uso).

Finestra Crea un nuovo indice

La praticità degli indici è evidente: le cartelle selezionate vengono lette fisicamente dal programma una volta sola quando viene creato l’indice (velocità di indicizzazione: circa 1 ora per 2GB) e i risultati della ricerca visualizzati immediatamente. Questo sistema ci permette di indicizzare anche il materiale che abbiamo ad es. salvato su un CD o DVD e poi di includerlo nella ricerca senza bisogno di inserire ogni volta il DVD nel lettore. Gli indici creati possono essere aggiornati periodicamente con il comodo Pianificatore integrato.

Archivarius 3000 è potente perché supporta un nutrito numero di file, è in grado di cercare anche nei più popolari file di archivio, riconosce le chiavi di ricerca in 18 diverse lingue e genera automaticamente tutte le forme delle parole. Inserendo ad es. la parola tedesca gleich, Archivarius 3000 cerca anche le forme simili gleiche, gleicher, gleichem, ecc.

Un altro cavallo di battaglia di Archivarius 3000 è la sua facile integrabilità in IntelliWebSearch. Quello che segue è il codice per lanciare una ricerca in modalità frase esatta (con chiave di ricerca tra virgolette) da IWS:

Label=Archivarius3000
Start=C:\Program Files\Archivarius 3000\Archivarius3000.exe
Finish={F3}{Tab 2}@{Enter}
Window Title=Archivarius 3000 (4.53/x64) - Sistema di ricerca
Notes=Advanced Search by Claudio Porcellana
Quotes Off=No
Pluses Off=No
Encoding=UTF-8
Interword Separator=
Case=1
Copy Key=
Cmd before returning=

Per importare il codice in IWS: selezionalo e copialo nella Clipboard, apri la finestra Search settings di IWS e, dal menu Share, seleziona l’opzione Import from clipboard. Nota: il codice è basato sulla versione italiana del programma e sul percorso specificato nel campo Start=.

Caratteristiche principali

  • Ricerca testuale istantanea di documenti ed e-mail in 18 lingue
  • Supporto per LAN (rete locale) e dischi removibili (CD, DVD e altri)
  • Supporto di grandi volumi di documenti ed e-mail
  • Supporto di numerosi formati di documenti (>50)
  • Ricerca nei più comuni file di archivio (>500)
  • Prezzo contenuto

Punti deboli: supporto tecnico che lascia a desiderare e assenza di un forum. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito multilingue del produttore likasoft.com.

Stefano

Annunci

Read Full Post »

{ Iniziare, nella pratica

1. Iscriversi a ProZ, ma facendovi i conti vostri. Se vedete tariffe che vanno da 0,01 a 0,10, state tranquilli che quella più corretta non si trova al centro, ma sopra!

Ricordatevi che la trattativa col cliente inizia con la sua richiesta e il VOSTRO prezzo per quella richiesta. Poi vi accordate; non all’incontrario. Ne consegue che dovete partire con un prezzo che vi consente di fermarvi su uno leggermente più basso.

Ci sono altri siti come ProZ che troverete in giro per la rete e sulla pagina LPT.

Tuttavia, ProZ ha un’utilità enorme e gratuita: inserirvi n vostro profilo, a prescindere dalle critiche.

Questo profilo deve tirare fuori TUTTA LA VOSTRA ORIGINALITA’. Un professionista fa "concorrenza" agli altri con le proprie competenze, non con i prezzi che dovrebbero essere bene o male tutti "uguali".

2. Iscriversi a Langit e a qualche lista straniera (delle lingue con cui lavorate)

3. In base al profilo, creare un CV. NON UN CV DA DIPENDENTI!!!!!!!!!!! Se vi proponete come "liberi" professionisti, non state cercando un lavoro fisso. Mettetevi nell’ottica di chi vuole essere "pescato" dalla vasca con migliaia di pesciolini rossi; dovete essere talmente diversi da essere notati!
Al massimo 2 cartelline, niente tariffe altrimenti in fondo + la legge della privacy

4. Create un blog. Scriveteci. SCRIVERE è la vera competenza di un traduttore. Scrivere nella propria lingua quindi in modo semplicemente perfetto. I blog vengono trovati facilmente da google e altri mr, i siti di meno.

5. Clienti – Se volete cliente diretti e vivete in una città grande e avete ben chiaro in quale settore esattamente riuscite a garantire un lavoro professionale (quindi con l’aiuto di esperti – quelli che conoscono il settore e altri che sanno scrivere), io cercherei di capire quali siano le aziende o i clienti nella vostra zona che potrebbero avere interesse. Biglietti da visita con i dati – tutti – di contatto + la combinazione linguistica – Non credo sia facile "entrare" in queste aziende, ma provate a capire il loro network. Dove si incontrano? In quali bar? Feste? Fiere? Congressi? Chi sono i loro fornitori magari? Penso ad un tribunale, per il giuridico: ci sono sempre i bar e le hall dove gli avvocati si incontrano. Riflettete sulle vostre personali conoscenze: parenti e amici. Parlate letteralmente con tutti delle vostre intenzioni. Prima o poi arriva una segnalazione!

6. Cercate un altro lavoro, possibilmente fisso, ma non importa. Conta l’esperienza e anche un lavoro porta a fare altre conoscenze. Possibilmente un lavoro organizzativo, dove si impara a prendere decisioni rispetto a problemi, trovare soluzioni. Continuate nel frattempo a guardarvi intorno per qualche traduzione.

7. Calcolate che il giorno in cui aprite una P.IVA è bene avere i soldi da parte per "almeno" due anni…di vita. Oppure dei genitori o altri disposti a mantenervi. Mettete da parte tutto quanto, per le tasse e per iniziare a stare sui vostri piedi il giorno in cui finisce il mantenimento. Qualunque cosa guadagnate con p.IVA, mettete via la metà degli incassi. Il 40% per le tasse, altro per un salvadanaio. Queste sono cose che potete chiedere a qualunque commerciante, loro ragionano tutti in questi termini…

8. Ho dato per scontato che possedete un computer + internet. Iniziate a scaricare programmi CAT gratuiti per capire come funzionano. Comprate un programma di contabilità tipo TS3000. Iniziate a conoscere FTP, programmi di posta elettronico, prendete un proprio dominio (25 euro all’anno) per un indirizzo email professionale (riflettere molto bene sul nome, nel nome può esserci già un’indicazione della vostra professione).

Frauke

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: